ANTEPRIMA – BMW R 1250 GS

Evoluzione continua

Arriva in questi giorni sul mercato la nuova BMW R1250 GS! Quando si pensa che la maxi enduro bicilindrica più amata (e venduta) in Europa abbia raggiunto i suoi massimi livelli e sia ormai già stato tutto detto e fatto, ecco che la Casa di Monaco sfodera una nuova versione, ancora più performante, ancora più attraente, pronta a ingolosire schiere di appassionati.

A prima vista le differenze non sembrano molte perché in realtà non ci sono stati stravolgimenti a livello estetico. Ci sono delle nuove colorazioni per la carrozzeria e alcune parti del telaio, dei nuovi cerchi forgiati granit-grau e due varianti stilistiche: Exclusive, più classica ed elegante, e HP più votata all’utilizzo sportivo off-road. I cambiamenti più importanti sono a livello tecnico e li troviamo proprio nel “cuore” della GS, perché aumenta la cilindrata a 1250 cc e soprattutto viene introdotto il sistema Shiftcam per la fasatura e l’alzata variabile delle valvole sul lato aspirazione. Una tecnologia già consolidata in campo automobilistico ma che troviamo per la prima volta applicata da BMW su un motore motociclistico di serie. Grazie a queste migliorie il nuovo “boxerone” guadagna potenza e coppia; adesso abbiamo a disposizione niente meno che 136CV (contro i 125CV precedenti) e 143Nm (contro i 125Nm precedenti) oltretutto a parità di giri motore rispetto alla versione da 1200 cc. Migliorano anche i consumi e i valori di emissioni, tanto da rendere la nuova GS già in linea con la prossima omologazione Euro5.

Su strada la nuova R 1250 GS è una vera “goduria”, abbiamo immediatamente apprezzato il nuovo comportamento del motore, perché quello che davvero stupisce sono un’elasticità e un’erogazione davvero impressionanti, in grado di rendere la guida ancora più piacevole e appagante. Grazie allo Shiftcam, cavalli e coppia sono sempre ben distribuiti e sfruttabili praticamente su tutto l’arco dei giri e il motore è sempre pronto e corposo in ogni situazione. Basta “aprire” il gas anche a bassi giri e in una marcia alta e lui spinge deciso, offrendo nel complesso una fluidità di marcia mai provata prima. Fra le altre novità, che aumentano anche il livello di sicurezza della moto, sono da sottolineare l’introduzione, di serie, delle modalità di guida Road e Rain, del controllo della stabilità ASC (che interviene limitando la coppia e quindi lo slittamento della ruota posteriore, in base al fondo) e della funzione Hill Start Control che facilita le partenze in salita. Completamente rinnovata la strumentazione che ora prevede il sistema Connectivity con un ampio display TFT a colori da 6,5 pollici che, oltre a essere particolarmente bello e di facile leggibilità, fornisce numerose informazioni sullo stato del veicolo e funzionalità di connessione Bluetooth con un qualsiasi smartphone.

Come immaginabile cambia anche il prezzo: ora si parte da € 17.850 per la versione base che diventano € 18.300 per la Exclusive e € 18.600 per la HP, sempre con primo tagliando incluso. Cifre in assoluto importanti ma che non si discostano molto da quelle del precedente modello, considerando gli equipaggiamenti ora forniti di serie.